“Brancolano qua e là anime…”

Rosangela Libertini

“Brancolano qua e là anime…”

Il terremoto del 13 gennaio 1915 nella poesia e nella prosa degli autori marsicani

In 8°, 120 pp., bross. edit. – Euro 12

 

Le immagini recenti di sguardi vuoti per la paura, lo strazio della morte, la sofferenza fisica nel continente europeo… Sembra che tutto un mondo a noi caro, immagini di bene, di gioia, di serenità siano scomparse, come terremotate, per sempre. Ritorna in mente il verso di Di Gravio «Brancolano qua e là anime». E nella memoria riemerge un altro terremoto, che i nostri nonni vissero e da cui seppero ricominciare.
Forse per questo vale ancora la pena, oggi, rileggere quei vecchi versi, mentre si dissolvono fra polvere e dolore molte delle certezze del nostro tempo, e l’esperienza di chi ci ha preceduti diventa improvvisamente vicina: «Quando la nebbia di gesso si è dissipata, c’era davanti a noi un mondo nuovo» (Ignazio Silone).


Opzioni di spedizione