Il brigante Giulio Pezzola del Borghetto e il suo Memoriale (1598-1673)

Giorgio Morelli

Il brigante Giulio Pezzola del Borghetto e il suo Memoriale (1598-1673)

Introduzione di Raffaele Colapietra

160 pp., bross. edit. – Euro 15

Giorgio Morelli - Il brigante Giulio Pezzola_ISBN

La figura di Giulio Pezzola domina incontrastata la scena del banditismo operante nella prima metà del Seicento nell’Italia centromeridionale. Egli «non è il ribelle dell’oleografia tradizionale e del populismo contemporaneo, è un figlio risoluto ed energico di quella vasta “terra di nessuno” che da sempre è stata la montagna di frontiera tra il Regno di Napoli e lo Stato ecclesiastico, un’atmosfera congenita di contrabbando, di fuoruscitismo, ma anche di contrasti sociali tra pastorizia ed agricoltura, per l’irrigazione o per il bosco, per la privatizzazione della terra contro gli usi comunitari». Il banditismo di Pezzola è anche e soprattutto una scelta politica, che resterà coerente per tutta la sua attività: questa scelta è lo Stato, ossia la Spagna, che a metà Seicento è ancora «la sola struttura in grado di garantire lo svolgimento e lo sviluppo, per quanto possibile ordinati, di quella che oggi si chiamerebbe la società civile».

ACQUISTALO ORA! SPESE DI SPEDIZIONE GRATUITE